Home Page di BrembillaFrazioni di BrembillaCenni Storici di BrembillaManifestazioni e Eventi a BrembillaNumeri Utili di Brembilla
Carattere medio Carattere grande


 
Le fotografie in alta risoluzione di Brembilla Le Fotografie di Brembilla
Archivio Fotografico di Brembilla
News Brembilla Le News di Brembilla
articoli e news di Brembilla dai giornali locali
Itinerari escursioni a Brembilla Trekking escursioni a Brembilla
Reportages tragitti, itinerari, escursioni sui sentieri di Brembilla
La Valle Brembilla La Valle Brembilla
La Brembilla non e' solo industria. Basta lasciare in fondo valle e risalire le stradine e le mulattiere dei due versanti della valle per poter ammirare numerosi vecchi nuclei storici, esempi tra i piu' significativi dell'architettura rurale, di montagna.
Libri su Brembilla Bibliografia Brembilla
Bibliografia realizzata dal Centro Studi Francesco Cleri e dal Centro Storico Culturale Valle Brembana
Brembilla,  Terra di Imprenditori Brembilla, Terra di Imprenditori
Chi per la prima volta dai Ponti di Sedrina risale la Val Brembilla lungo la provinciale, tutto si aspetterebbe di trovare meno quello che compare ai suoi occhi..
Borgo Antico di Catremerio Borgo Antico di Catremerio
Catremerio paesello di montagna, a 988 mt di altitudine, adagiato tra verdi pascoli e folti boschi, sulle pendici del Pizzo Cerro..
Borgo di Malentrata Borgo di Malentrata
Malentrata Bassa è formata da due gruppi di case, il primo, posto sulla destra, salendo la mulattiera, provenienta da Brembilla..
Borgo di Cerro Foppa Borgo di Cerro Foppa
Numerose piccole contrade, compongono Cerro di Brembilla. Cadamone, Fustinoni, Chigavacca, Malvesuta, Cerro Foppa, Culo d'Asino, Ghiolo, Boscalone, Ca' Donzelli, Finiletto..
Borgo di Cavaglia Borgo di Cavaglia
Cavaglia, posto a 837 mt. di altitudine, è, insieme a Catremerio, uno dei borghi antichi più belli e più antichi della Valle Brembilla..
Indice escursioni a Brembilla - Escursioni trekking sentieri percorsi itinerari - Reportages dal Forum della Valle Brembana (PAGINA 2)

E' la settimana buona per la Peonia Selvatica, e qui sullo Zucco e' facile in questo periodo vederla in tutta la sua bellezza. Cosi' con l'esperto moxer (ristabilito in pieno dalla convalescienza.!!) approfittando della bella giornata e della festività percorriamo il comodo sentiero con partenza da Sant'Antonio Abbandonato. Che spettacolo le prealpi.. con i prati in fiore in multicolori.....


Ciao a tutti sono Franco Sonzogni, di professione Guida alpina, sono iscritto a questo forum da qualche mese, mi presento con questa uscita visto che la stagione estiva mi porterà ben lontano dalla nostra Valle. Trovandomi di passaggio a Branzi, mi fermo al bar per un caffè e incontro Monia e Silvia. Ci si conosceva già, tant'è che una delle due, Monia, è per antonomasia la barista più brava della valle....


Per oggi è previsto il tramonto (del Sole) alle ore 20.23 e l'alba (della Luna piena al 100%) alle ore 20.54...evento imperdibile!! Così con Paolo e Dave partiamo alle 18.45 circa con destinazione Catremerio. Da qui partiamo per salire al Pizzo Cerro per ammirare lo spettacolo. Arrivati alla cappelletta (con passo veloce) notiamo con dispiacere che siamo immersi nella foschia... Breve spuntino e poi proseguiamo verso il Castel della Regina e poi torniamo al Cerro per la cena ed ammirare le luci che si accendono e la Luna che fa capolino ad est!....


Come ogni anno si tiene la tradizionale messa in cima al Monte Corno, da qualche tempo organizzata dal mitico gruppo delle Lucertole di Brembilla. Nonostante la neve e il forte vento un manipolo di venti temerari (tra cui daveverdell e il sottoscritto) ha presenziato alla celebrazione, molto bella. Menzione particolare a Don Angelo, parroco di Brembilla, un vero camoscio in montagna....


Venerdì santo riesco finalmente, insieme ad Andrea, a fare un'escursione in val Brembana. Per la verità è una gita pomeridiano-serale visto che un paio d'ore di lavoro mattutino e un'inaspettata coda sull'A4 ci permettono solo di lasciare l'auto alle 13 passate. Con tutta calma abbiamo assaporato lo sbocciare della primavera lottare con la neve delle ultime nevicate, raggiungendo 3 cime "minori" ma ugualmente molto panoramiche e saporite. I bei roccoli e le ben tenute baite, insieme alla miriade di capanni di caccia (non oso pensare come ci si senta ad attraversar queste zone in autunno..) hanno completato lo splendido, tutto sommato rilassante, scenario di giornata...


Sono giorni per non dire settimane che nelle basse valli e pedemontana bergamasca imperversa la nebbia.. strati piu' o meno densi mentre sulle dorsali e cime delle prealpi e alpi orobie sono giornate di cielo limpido... alcune immagini di stamane sulla costa Pizzo Cerro e Castel Regina, colori dominanti il rosso e il blu. Castel Regina 1424 m s.l.m. partenza da Catremerio (mt. 988) di Brembilla - Tempo 1.10' circa - Dalla cima del Castel Regina panorama stupendo con vista su tutte le Orobie bergamasche, oltre che le montagne lecchesi.....


Tra una perturbazione e l'altra, con deboli precipitazioni nevose e cielo sempre coperto da nubi.. nebbie che vanno e vengono..... ma panorama ovattato da inverno d'altri tempi.. sono giorni che sulla dorsale del Castel Regina (1400 m) Pizzo Cerro (m. 1285).. la vegetazione e' imbiancata con temperature sottozero pur con il brutto tempo le immagini sono suggestive e alcune quasi spettrali.....


Sul Monte Foldone con acqua, neve, vento e sole, per ricordare gli amici che non sono più tra di noi, per essere in qualche modo vicini a quelli che stanno soffrendo e per guardare il mare. Il mare di nuvole che sta sotto di noi, onde bianche che col passare delle ore si dissolvono con i tiepidi raggi del sole. I fratelli Luisa, Giorgio hanno pernottato sul monte, verso le nove stanno pensando di far ritorno a Brembilla. Visto il brutto tempo si sono rassegnati al fatto che nessuno arriverà per la Santa Messa.....


Val Brembilla: da Catremerio al Pizzo Cerro - Percorsi, itinerari, escursioni in Valle Brembana e sulle Alpi e prealpi Orobie Bergamasche. Ieri giretto con la morosa al Pizzo Cerro allego alcune fotografie semplici e altre un po' più panoramiche... Sant'Antonio Abbandonato vestito di bianco....


Bellissima e lunga valletta che parte dalle pendici del Coren e sfocia nel Torrente Brembilla in località Unizzi, nel periodo estivo è frequentatissima dai brembillesi che fanno il bagno nelle grandi e numerose pozze presenti. Forre, castate, marmitte dei giganti, gamberi di fiume, acqua cristallina. Abbiamo risalito il torrente dalla foce: dopo una prima parte selvaggia, nella parte alta incontrati diversi gruppi di bagnanti, che si tuffavano anche da altezze considerevoli!....


Oggi,io e mio zio avendo a disposizione il pomeriggio libero abbiamo deciso di fare una sorte di escursionismo-alpinismo al contrario! Abbiamo scelto di andare ad esplorare un paio di camere dell Grotta Presente nella Corna Marcia a Laxolo!Partiti da laxolo abbiamo raggiunto la contrada Cabonadino per prendere il sentiero che da Laxolo porta ad Ubiale, dopo una ventina di cammino abbiamo raggiunto l'inbocco alla grotta, dove dopo esserci messi cappello-pila frontale abbiamo inizialto l'Esplorazione! Entrati nell'anticamera siamo giunti nel tunnel che in un primo momento scende per poi in un secondo tempo si alza(passagio da fare con attenzione alla testa!quindi camminando "seduti") e da alla Prima Grande Camera.....


Le nostre valli riservano anfratti dove ancora è conservato lo spirito dei tempi antichi, le leggende, le superstizioni... Nel mese di gennaio un vecchio cacciatore mi nominò la Gola delle Anime Dannate, e mi insegnò la strada. Sono andato ad esplorarla in una giornata che da bellissima diventò improvvisamente uggiosa...ho disturbato qualche spirito? Nel dubbio non vi rivelerò ancora come arrivare in questa terra selvaggia...promettendovi però di condurvi qui in primavera, quando forse con l'arrivo del sole i diavoli maligni ci lasceranno il passo..per ora ecco alcuni spunti della mia esplorazione, e alcuni indizi.....


Oggi, visto la neve fresca in quota e il vento presente abbiamo deciso di fare un escursione pomeridiana. Quindi abbiamo deciso di fare un'escursione leggera e senza pestare neve,con decisone finale di percorrere tutta la cresta della Corna Marcia. Siamo partiti nel primo pomeriggio con un venticello "fastidioso" e il cielo velato ma che sembrava in via di rasserenamento.Partiti da Laxolo centro abbiamo preso il sentiero che dal "pagliaro"(via di Laxolo)porta alla Lapide del Partigiano, per poi salire prima al Corno piccolo e di seguito al Crono Grande(Con vista su tutta la Valle Brembilla,parte della Valle Imagna, Valle Taleggio e su alcune cime visibili)per poi salire alla cima quindi alla Croce della Corna Marcia e scendere per cresta fino a prendere il sentiero che porta alla Grotta chiamata Tamba di Laxolo.....


Ieri sera, dopo una giornata di lavoro, gita in notturna al Pizzo Cerro e Castel della Regina sopra Brembilla. Il gruppo è composto da Andrea.brembilla, Caciana, Giacomo, LucaMarti, Matu e MaCa. Partiamo da Brembilla alle 19.20 e via per una bella camminata che ci farà gustare i panorami della nostra valle sotto una luce diversa. La camminata non presenta difficoltà a parte la neve in alcuni tratti molle ed il vento forte che spira, ma in compenso la Luna Piena e le sottostanti luci hanno reso magica l'atmosfera di una "normale" serata in Valbrembana.....


Oggi pomeriggio libero, che faccio? Un bel pisolino? Macchè!!!! Visto che i monti imagnini minori non sono ben conosciuti, decido di salire al Corno Grande, altrimenti detto Corèn Gros. La cima si presenta come un dente roccioso, poco distante dalla Corna Marcia. La vista di cui si può godere spazia dalla Val Brembilla alla Vall'Imagna, fino alla Val Taleggio e le Grigne... oggi leggera foschia, comunque bella passeggiata.....


Giovedì pomeriggio, approfittando di un passaggio in auto fino ai Ponti di Sedrina ho fatto la seguente escursione: Strada Taverna, Cà Meneghina, Cà Marta, i muraglioni di Cà Marta, Pratonuovo e la Chiesetta di San Gaetano, Maroncella, Sant'Antonio, Monte Zucco, Crosnello, Catremerio, Cerro ed infine arrivo a Brembilla centro.....


Inserisco anche nella sezione trekking l'appuntamento con la: Ferrata Madonnina del Coren in notturna Venerdi’ 18 Luglio 2008 ritrovo ore 19.30 a Brembilla – Chiesa di Cavaglia PROGRAMMA: Ore 19.30: RITROVO - ISCRIZIONI Sagrato Chiesa di Cavaglia Ore 20.30 : CHIUSURA ISCRIZIONI Ore 21.00 : AVVICINAMENTO alla base della FERRATA Ore 22.00 : INIZIO FERRATA Ore 24.00: RINFRESCO al Sagrato Chiesa di Cavaglia....


I tre sentieri che portano al Monte Zucco.. dal facile.. al piu' difficile (la diretta.. panoramica da San Pellegrino Terme).. Le immagini si riferiscono alla via piu' facile da S. Antonio Abbandonato.. il periodo giusto per vedere le fioriture di Peonie Selvatiche.....


E' un sogno che ho sempre avuto, oggi grazie alle abbondanti nevicate l'ho realizzato. Partenza a piedi da casa mia (Brembilla Centro, 400 metri di quota): sci in mano, scarponi da sci nello zaino, e su faticosamente per la mulattiera che porta a Berbenno, fino al Roccolo della Forcella (circa 800 metri di quota). Poi discesa mozzafiato. Spazio alle immagini, e alla cartina (in bianco la salita, in rosso la discesa, puntini quando ho dovuto togliere gli sci):....


Oggi pomeriggio, invitato da un tiepido sole e da un cielo cristallino, dopo un mesetto dall'ultima escursione seria, ho deciso di fare un bel giretto. Nella mia mente ronzava già da tempo l'idea di andare ai Trì Fò, così, dopo aver afferrato l'inseparabile macchina fotografica e aver accolto le suppliche del mio cane, che appena vede gli scarponi comincia a guaire, parto da Brembilla a passo svelto in direzione dei mitici faggi. La mia prima tappa è Gavazzone, antico crocevia commerciale tra Brembilla e la Vall'Imagna, da dove posso raggiungere velocemente Berbenno. A questo punto penso che una posizione sopraelevata mi consenta di individuare meglio in corretto percorso, quindi, senza pensarci due volte salgo alla chiesa di San Piro, dalla quale posso godere di un meraviglioso punto d'osservazione verso la pianura padana e la Valle Imagna. Non ancora convinto, decido di fare un colpo di telefono all'amico Gino, il quale, senza esitazione alcuna mi dice: "segui sempre la costa, arda che però l'è longa!".....


Domattina sfidando il gelo io e gogis facciamo un trekking sulle nostre amate prealpi orobiche, a cavallo dello spartiacque tra Brembilla, San Pellegrino e San Giovanni Bianco... Partenza dal centro di Brembilla (via Rizzi) alle 8.30, si sale alla frazione di Cavaglia in macchina e poi da qui si va sul Monte Corno (o Corna Camoscera) in massimo massimo un'ora e mezza (con anche un facile passaggio su scalette e gradini di ferro). Poi si scende e si prosegue verso il Monte Foldone (ancora un'oretta) ed eventualmente si raggiunge anche il Monte Sornadello... vediamo! Se qualcuno di buon passo ci vuole seguire si palesi sul forum entro le 23 di stasera!....