Home Page di FoppoloFrazioni di FoppoloCenni Storici di FoppoloManifestazioni e Eventi a FoppoloNumeri Utili di Foppolo
Carattere medio Carattere grande


 
Foppolo
Foppolo
Foppolo
News Foppolo News di Foppolo
articoli e news di Foppolo dai giornali locali (feed)
Forum Foppolo Forum Foppolo
BremboSuperSki, community di discussione su progetti, impianti, piste sci
Itinerari escursioni a Foppolo Trekking escursioni a Foppolo
Reportages Alpi Orobie: tragitti, itinerari, escursioni sui sentieri di Foppolo e dintorni
Sci-Alpinismo a Foppolo Sci-Alpinismo a Foppolo
Reportages Alpi Orobie in scialpinistica a Foppolo e dintorni
Libri su Foppolo Bibliografia Foppolo
Bibliografia realizzata dal Centro Studi Francesco Cleri e dal Centro Storico Culturale Valle Brembana
Foppolo cartoline a confronto Foppolo ieri e oggi
Cartoline a confronto, come era Foppolo tempo fa..
La Valanga di Foppolo La Valanga di Foppolo
Il 10 Gennaio 1977 la massa di neve si staccò dal monte Arete....
Foppolo Ski Stazione sciistica dell'Alta Val Brembana Stazione Foppolo Ski
Foppolo presenta una ricettivita' moderna ed ampia,ed offre agli appassionati le sue lunghe Piste di Sci, adatte sia a principianti che agli sportivi provetti. Foppolo è situata in zona molto nevosa, grazie alla favorevole posizione l'innevamento si mantiene ottimo fino a primavera inoltrata....
Anello di sci nordico a Foppolo Sci nordico a Foppolo
Foppolo dispone di un attrezzatissimo anello di circa 3 km in località Convento, un bosco bellissimo con scorci fiabeschi, un'ottima manutenzione ed una struttura di noleggio, bar e spogliatoio nuovissima ed in completa armonia con l'ambiente...
Foppolo, Carona, San Simone Bremboski
Consorzio operatori turistici dell'alta Valle Brembana: Foppolo, San Simone, Carona, Branzi, Isola di Fondra...
Baby Park Foppolo Sci Baby Park Foppolo
L'area, riservata ai più piccoli che muovono i primi passi sugli sci, regalerà a tutti i bambini un'esperienza formativa e ludica per avvicinarsi allo sport.....
Piscina di Foppolo Maestri di Sci di Foppolo
La scuola sci “90 Foppolo” diretta dall’ex azzurro Giuseppe Carletti - Scuola di Sci Alta Valle Brembana, 45 maestri di sci di Foppolo in grado di erogare corsi nelle diverse discipline e per diversamente abili. Lo Snow Board, lo Sci Alpino, lo Sci Alpinismo sono alcune delle specialità in cui potete cimentarvi con la sicurezza di essere seguiti secondo i vostri ritmi di apprendimento...
Piscina di Foppolo La Piscina di Foppolo
coperta, sale idromassaggio, sauna, sauna finlandese, sala ambulatorio...
Webcam Foppolo Webcam Foppolo
Telecamere sulle piste da sci di Foppolo, le webcam inviano immagini piu' volte al giorno, risoluzione ottimale per vedere in tempo reale la situazione a Foppolo e sulle piste Montebello/ Valcarisole: webcam.foppolo.org
Foppolo /Rif. F.lli Longo Centro Accoglienza Oasi - Scuola Sci90
Presso: p.le Alberghi, Partenza Impianti Sci di Foppolo puoi trovare: Palestra Basket, Pallavolo, Tappeti elastici, Sala giochi, Biliardo, Bar, Tavola calda, Noleggio Sci, Snowboard, Bob, Sala accoglienza, Colazioni al sacco.
L'arte a Foppolo, le chiese L'Arte a Foppolo
L'attuale chiesa parrocchiale di Foppolo e' una costruzione fatta nel 1932 dal capo mastro Gio Antonio Minore di Serina. Sorge su una precedente costruzione del 1482..
Itinerario per il Corno Stella Corno Stella
Posto quasi al centro della Catena Orobica, sullo spartiacque principale, offre una salita assai remunerativa e una vista tra le piu' belle dell'intera cerchia...
P.sso S.Marco/ Foppolo Sentiero delle Orobie: Tappa P.sso S.Marco/ Foppolo
Lungo e magnifico itinerario da intraprendere di buon mattino, così da raggiungere Foppolo in giornata ed eventualmente proseguire fino al Rifugio Montebello, dove e' possibile pernottare. Il percorso e' caratterizzato dalla presenza di numerose baite per l'alpeggio estivo, molte delle quali vengono ancor oggi utilizzate....
Foppolo /Rif. F.lli Longo Sentiero delle Orobie: Tappa Foppolo /Rif. F.lli Longo
Dall'ampio parcheggio di Foppolo si segue la carrozzabile asfaltata fino nei pressi della partenza dell'impianto di risalita del k2 (1677 m), dove ha inizio il comodo sterrato che, per pascoli, sale fino al pianoro IV Baita (1820 m) e dirigersi verso destra al Passo della Croce...
Cartina Estiva comprensorio Foppolo Cartina Estiva comprensorio di Foppolo
Gite e passeggiate sui Monti Orobici.
Cartina Invernale comprensorio Foppolo Cartina Invernale comprensorio di Foppolo
Gli Impianti del comprensorio.
Foppolo alta val brembana

La marea bianca sorprese Foppolo durante il sonno

Il 10 Gennaio 1977 la massa di neve si staccò dal monte Arete
all'1,40 Otto le vittime, fra cui due bambini di 12 e 7 anni

FOPPOLO Esattamente trent'anni fa su Foppolo si abbatté una tremenda valanga, facendo otto vittime. Una delle pagine più tragiche della storia recente delle nostre valli, che ricordiamo sulla scorta di una testimonianza d'eccezione: la relazione tecnica stesa dal geometra Alberto Piastri del Servizio valanghe italiano, che partecipò attivamente ai soccorsi, anche con funzione di coordinamento (il documento è stato cortesemente fornito dal Centro nivometeorologico regionale di Bormio). ORE 1,40 Terminato il lungo periodo natalizio, caratterizzato dall'usuale e pacifica invasione dei villeggianti, a Foppolo ritornò la tranquillità, e solo poche decine di turisti rimasero a pernottare in paese. Nella notte tra il 9 e il 10 gennaio iniziò a nevicare copiosamente, e già alla sera del 10 due valanghe provocarono l'interruzione dell'unica strada di accesso al paese, che risultava quindi completamente isolato (all'epoca non esistevano ancora le attuali gallerie paravalanghe). Durante l'intera giornata dell'11 la neve continuò a cadere incessante, superando in paese il metro d'altezza.

Questa lunga e consistente precipitazione nevosa non poteva rimanere senza conseguenze: nella notte del 12 gennaio, all'1,40, una valanga di neve polverosa si staccò da poco sotto la vetta del monte Arete (2.227 metri) e, percorrendo il canale Vallesino, si abbatté con estrema violenza sulla parte bassa dell'abitato di Foppolo, investendo numerosi condomini e abitazioni, oltre alla chiesa, che riportò non pochi danni. Le conseguenze della valanga apparvero subito tremende: nel solo condominio Brembo, parzialmente sventrato, si contarono cinque morti, che aggiunti ad altri tre in altri edifici, portarono il bilancio delle vittime a un totale di otto (oltre a tre feriti): Maria Bianconi, 79 anni, con la nipotina Agostina, 7 anni, Valentino Lazzaroni, 32 anni, Antonietta Paganoni, 66 anni, con la figlia Gianna Monaci, 22 anni, Fabrizio Berera, 12 anni e i coniugi Antonio Paganoni, 57 anni, e Cordelia Bonandrini, 61 anni.

Fabrizio Berera, 12 anni - il figlio del fornaio - dormiva insieme al fratello Paolo, allora sedicenne, quando venne investito in pieno dalla massa nevosa al primo piano della sua abitazione. I genitori e gli altri fratelli, che si trovavano ai piani superiori, si salvarono. Il corpo di una delle vittime, Antonietta Paganoni, venne ritrovato solo cinque giorni dopo, a 200 metri di distanza dal condominio Brembo, dove dormiva. Nonostante la tragedia si fosse già consumata, in molte case di Foppolo - isolato per l'interruzione della strada, avvolto nel buio della notte e flagellato dalla bufera che non accennava a placarsi - si continuava a dormire tranquillamente, ignari dell'accaduto e del gravissimo pericolo di nuove valanghe che incombeva su altre zone del paese.

IL SALVATAGGIO Già pochi minuti dopo la caduta della valanga, in paese vennero presi i primi provvedimenti per portare i soccorsi più urgenti e per prevenire ulteriori danni, sotto il coordinamento del geometra Alberto Piastri del Servizio valanghe italiano, che era in paese. Gli unici mezzi di trasporto utilizzabili sulle strade, sommerse da quasi un metro e mezzo di neve, erano i due gatti delle nevi normalmente utilizzati per preparare le piste sciistiche. In quei drammatici momenti si dovette far fronte a due emergenze: organizzare i soccorsi nell'area in cui era caduta la valanga e provvedere con la massima celerità ad evacuare gli edifici in zone esposte al rischio di nuove cadute. Allo scopo, vennero aperti alcuni alberghi situati in luoghi sicuri, dove alloggiare gli sfollati. Mentre i soccorritori continuavano freneticamente a scavare nella massa nevosa della slavina, alla ricerca delle vittime e di eventuali superstiti, alle 2,30 una seconda valanga si staccò dalle pendici del Monte Cadelle e, passando per la località Rovera, si abbatté sulla parte mediana del paese. Investì due donne che si trovavano per strada: una di esse riuscì a non farsi travolgere e a dare l'allarme, mentre la seconda scomparve sotto la neve.

Di fronte a questo nuovo dramma, alcuni soccorritori raggiunsero questa zona, alla ricerca della donna scomparsa. Dopo oltre un'ora di frenetiche quanto infruttuose ricerche - ricordiamo che era notte fonda, nevicava e l'unica luce era quella dei lampioni stradali - la disperazione incominciò a prendere il sopravvento: soprattutto i parenti della ragazza sepolta, Graziella Carletti, di 24 anni, cominciavano a perdere le speranze. A questo punto giunse sul luogo il geometra Piastri col cane da valanga Luger, il quale iniziò subito a esplorare la zona. Dopo circa un quarto d'ora, a 300 metri dal punto in cui la Carletti era stata travolta, il cane segnalò qualcosa: alla profondità di un metro venne dissepolta la ragazza, ormai allo stremo delle forze e col respiro molto debole. Trasportata in una vicina abitazione, in circa due ore riuscì tuttavia a riprendersi completamente. Dopo questo fortunato salvataggio si continuò nell'opera di evacuazione degli edifici più a rischio, in particolare l'Hotel K2 e il condominio Valgussera, dove tutti ancora dormivano, ignari della tragedia e del pericolo che incombeva su di loro.

ISOLATI Finalmente quella notte terribile si avviò al termine, ma - per quanto strano possa oggi apparire, nell'epoca dell'informazione planetaria in tempo reale, di Internet e dei telefoni cellulari - ancora nessuno sapeva quanto era accaduto a Foppolo: le valanghe avevano infatti interrotto anche le linee telefoniche e non c'era modo di comunicare col resto del mondo, non esistendo ovviamente i telefoni cellulari. Alle 5,30 si predispose quindi una radio ricetrasmittente «cb», con la quale tentare di comunicare con altri radioamatori. Dovettero tuttavia trascorrere quattro interminabili ore prima che il messaggio di soccorso fosse intercettato da un radioamatore di Valbrembo, rimasto ignoto, il quale provvide ad avvertire i carabinieri. Un'ora dopo, alle 10,30, si riuscì a entrare in contatto radio anche con Valleve, e da quel momento terminò di fatto l'isolamento di Foppolo: si poté infatti contattare il medico del paese per avere consigli riguardo ai feriti, nonché esporre le necessità più urgenti, per quando si sarebbero potuti alzare in volo gli elicotteri di soccorso. I tre feriti dalla prima valanga non destavano particolari preoccupazioni, tranne un ragazzo di 15 anni, Angelo Cattaneo, che presentava un trauma cranico e una sospetta frattura a una spalla: poiché la ferita alla testa continuava seppure lentamente a sanguinare, il medico consigliò via radio di praticare una fleboclisi. Nonostante le condizioni non certo ideali, l'operazione andò a buon fine e il ragazzo si salvò.

I SOCCORSI Il giorno seguente, 13 gennaio, finalmente cessò di nevicare e il cielo si rasserenò: venne predisposto un ampio piazzale per l'atterraggio degli elicotteri che iniziarono a decollare da Branzi. Pur con qualche contrattempo generato dall'inevitabile confusione, nella mattinata furono trasportati a Foppolo il parroco, il medico, tecnici Enel e Sip per ripristinare le linee, carabinieri, generi alimentari e di prima necessità e personale di altre istituzioni. Dopo aver evacuato i feriti, nel pomeriggio fu eseguito un mesto quanto indispensabile trasporto: a Foppolo vennero consegnate otto casse da morto. Il giorno successivo (14 gennaio) si provvide ad evacuare i turisti (una sessantina) con un ponte aereo Foppolo-Branzi, mentre il 15 gennaio si svolsero i funerali delle vittime, alla presenza della autorità provinciali (prefetto, questore, vescovo, presidente della Provincia e altri).

Il paese continuava tuttavia a essere isolato, e l'unico modo per arrivarvi era rappresentato dall'elicottero. Solo il 20 gennaio le ruspe riuscirono a liberare la strada di accesso dai resti delle valanghe, ma il transito veicolare restava comunque vietato per motivi precauzionali. Ed infatti il 21 gennaio due valanghe caddero nuovamente lungo la strada, isolando nuovamente Foppolo. Le operazioni di sgombero non furono facili (in alcuni punti lo strato di neve raggiungeva i 15-20 metri di altezza), ma dopo quest'ultimo episodio le condizioni meteorologiche finalmente si normalizzarono, e l'inverno proseguì senza altri particolari problemi.

Tratto dal L'Eco di Bergamo dell'11 Gennaio 2007 di Renzo Zonca