Gite e escursioni a Carona - Alta Valle Brembana - Val Brembana Web

Gite e escursioni a Carona pag.1

Il segreto dell'Aga: le meraviglie del Lago Pennati
Erano 3 anni che lo puntavo, volevo fortemente andare a vederlo e già l'anno scorso ci avevo provato, non riuscendo però a trovare la strada giusta per raggiungerlo: pochi giorni fa grazie all'aiuto di Enzo del rifugio Longo sono finalmente arrivato a tu per tu col Lago Pennati, gelosamente custodito dal versante nord-est del Monte Aga. L'ho trovato ancora quasi completamente innevato, immerso in una conca di straordinaria bellezza, con una vista mozzafiato su Rondenino - Diavolo: sono rimasto senza parole, questo angolo di Orobie tra Aga e Rondenino è uno scrigno di rocce e sassi di mille tonalità, dove la neve si colora di rosa per coprire il selvatico laghetto nato da un ghiacciaio che non c'è più.

Carona privée: Corni di Sardegnana e Lago del Vallone
Stavolta sono andato oltre i miei limiti, volevo andare a vedere la versione estiva del Lago del Vallone e ho pensato bene di raggiungerlo in discesa, dopo aver toccato i per me inediti Corni di Sardegnana, arrampicati dall'impervio versante sud dopo aver scaldato le gambe passando dal Becco: ma il peggio doveva venire, quando mi sono affacciato dall'altra parte della croce di vetta e ho visto la parete nord da scendere ho dovuto azzerare i pensieri, il primo saltello di pendenza quasi verticale me lo ricorderò finchè campo, parecchio esposto e con scarsi appigli, il passaggio tecnicamente più difficile che abbia mai affrontato.

Carona, Cabianca, Valle dei Frati, Carona
04/08/2018 Giro ad anello da Carona passando sopra la Diga di Fregabolgia sino a raggiungere il Lago Cabianca per poi salire la cresta del Monte Cabianca m. 2601. Discesa fino al Passo D'Aviasco e scendere dalla Valle Dei Frati e per poi ricongiungersi con il sentiero estivo che porte a Pagliari, oggi nella discesa abbiamo voluto esagerare oltre al temporale ci siamo presi anche una bella grandinata.

Via Calegari-Rho: Parete Nord del Pizzo del Becco
Dopo averla tentata lo scorso anno, sbagliando completamente parete per colpa della nebbia (link), sabato scorso in compagnia di Marco, Emanuele e Alessandro, l'abbiamo "portata a casa". Nessun'altro in parete, forse a causa del non proprio agevole avvicinamento, era tutta per noi e si sentivano solo le nostre voci... e i sinistri rumori dei sassi che ci cadevano sopra la testa smossi dai numerosi stambecchi sulla cima. La via era molto umida e muschiosa, almeno nei primi 3 tiri, poi il tipico camino che la contraddistingue si trasforma in diedro e allora la roccia migliora, ma ormai manca poco ai facili pendii sotto la vetta e ormai è fatta. Volendo dopo il traversino a destra per uscire dal camino c'è un variante spittata sulla placca centrale, Marco e Alessandro sono saliti da lì, io e Emanuele invece abbiamo seguito la linea originale e personalmente è stato uno dei tiri tiro più divertenti.

Tra Farno e Pradella: le splendide Cime di Valsanguigno
Pochi giorni fa con l'obiettivo di raggiungere il Pradella mi sono avventurato sulle Cime di Valsanguigno, passando prima dal Pizzo Farno, non ero mai salito su queste cime poste nel cuore lacustre delle Orobie: la Cima occidentale si è rivelata una piccola bestiolina un pelino impegnativa da domare, poi ecco dispiegarsi un filotto di punte tutt'altro che difficili, una cavalcata in cresta tra le più belle che abbia mai fatto, le Cime di Valsanguigno mi hanno entusiasmato..!!

Carona, Rifugio Longo - Monte Aga
Giro ad anello, da Carona, Rifugio Longo - Monte Aga m. 2720 - Rifugio Calvi - Carona, anche se al rientro ci siamo presi un po' di pioggia è stata una bellissima giornata.

Sul Monte Madonnino dal Sentiero Estivo di Carona
Oggi, Carona dal sentiero estivo al Rifugio Calvi per poi salire il Monte Madonnino m. 2502 e al ritorno discesa per il sentiero invernale. . Dal passo per cengia a nord si riesce al Portulino (2.301 m), dal quale per l'ampia dorsale caratterizzata da sfasciumi e da facili roccette si raggiunge la spalla e subito dopo la Valle del Monte Madonnino (2.502 m)........

Vigilia pasquale al Borgo di Pagliari
Pagliari, la memoria nella Pietra. Lassu' dopo le ultime case di Carona, ai margini della strada che porta al Rifugio Calvi e, da qui, alle tante varianti della rete sentieristica delle Alpi Orobie spunta sulla destra, da una piccola quanto suggestiva radura, la Frazione di Pagliari. Un borgo antico, fra i meglio conservati nella sua architettura rustica, che d'inverno appare come un unico sasso compatto e scuro, che si distingue sul tappeto immacolato della neve, mentre d'estate si stempera all’interno di un paesaggio più dolce e variegato, dove le lingue verdi dei pascoli e dei prati s’insinuano fra le stradine e i viottoli, dentro i suoi spazi aperti. Siamo nell’ultima valle dell'alto Brembo......

La nevicata del 27 Dicembre 2017 a Carona
Siamo in quel di Carona a 1100 m s.l.m. il trio Ivan & Alvin & Gino si riunisce per un reportage nevoso intorno al bel laghetto alpino.......

Monte Aga - 2.720 m s.l.m
Nelle acque del Lago del Diavolo la turrita sagoma del Monte Aga si specchia con tinte fosche e poco attraenti: una parete repulsiva irta di canali e di costoloni di roccia sembra chiudere l'anfiteatro, formato da ripidi pendii di erbe e di sfasciumi. La vista della vetta e' bellissima e si allarga dalle Alpi Centrali al Pizzo del Diavolo di Tenda e a tutta la conca del Rifugio Fratelli Calvi....

Il bianco 1° Luglio del Pès Gerna
Sabato mattina quasi non ci credevo nel vedere il cielo così azzurro, mi sono scaraventato a Carona per fare una veloce scappata sul panoramicissimo Pès Gerna: non avevo preventivamente dato un'occhiata alle webcam, così ho strabuzzato gli occhi quando a Branzi mi sono trovato davanti il Corno Stella imbiancato..Avevo preso le scarpette leggere..!! Non mi sono scoraggiato, sono filato lo stesso sul Pès Gerna: a 2000 metri cominciavano tracce di neve gelata, poi lungo la salita e in vetta si andava da 0 a 10 centimetri, avevo i piedi che annegavano nelle scarpe...Ma da lassù che spettacolo..!!!.....

Carona con il laghetto alpino sulle Alpi Orobie
Carona è situato in un contesto naturalistico d'alto profilo, permette un'innumerevole quantità di escursioni adatte ad ogni esigenza. Tra le altre si segnalano l'ascesa al Monte Aga ed al Pizzo del Diavolo di Tenda, ma anche quelle al Rifugio Laghi Gemelli, al Rifugio Fratelli Calvi ed al Rifugio Fratelli Longo, questi ultimi due meta di numerose arrampicate in mountain-bike. Durante il periodo invernale il paese, consorziato con i comuni vicini, vanta numerose opportunità per gli amanti dello sci alpino e sci alpinismo, con collegamenti con la stazione di Foppolo. A mezz'ora di cammino dal centro abitato, salendo verso il rifugio Fratelli Calvi, si trova il caratteristico borgo di Pagliari......

Una bellissima giornata di metà Ottobre al Rifugio Calvi
Bellissima giornata di sole ieri al Calvi, temperatura gradevole e neve in scioglimento a tutte le quote. Tantissimi escursionisti ieri lungo la strada e in conca, lunga fila di macchine parcheggiate, sembrava un giorno d'agosto!!! Ma siamo a ottobre e in quelle zone iniziano i colori autunnali. Video e alcune immagini, buona visione.....

Escursioni a Carona PAGINA 2 --->> - Escursioni a Carona PAGINA 3 --->> - Escursioni a Carona PAGINA 4 --->> - Escursioni a Carona PAGINA 5 --->> - Escursioni a Carona PAGINA 6 --->>