Gite e escursioni a Carona pag.1

Carona: Rondenino Mission Impossible..!!
Quante volte l'ho guardato timoroso dicendomi "Lassù non ci arriverò mai", invece Venerdì 28 Settembre dell'Anno Domini 2018 ho coronato un sogno che ritenevo impossibile: ho raggiunto la vetta del Rondenino, ancora non ci credo..!! Le relazioni lette mi avevano un pochino incoraggiato, al contrario le foto della salita mi facevano rizzare i capelli, poi ho dato fiducia alla vocina che mi diceva "provaci" : salita dal Podavit, discesa dritta dal versante sud-est, tanta cautela e tantissimo intuito per trovare la strada, a sorpresa si è rivelato meno ostico del temuto, alla fine ce l'ho fatta...

Ascesa al monte Chierico (2535m) da Carona (1110m)
Oggi giornata di ascesa "fuori norma" per quanto mi riguarda: circa 1400m di dislivello risalendo la val Carisole da Carona e poi la lunga spalla del monte Chierico, il tutto per la prima volta in assoluto.... E' un bel po' di tempo che avevo in mente di andarlo a trovare a casa sua, il sig. Chierico, e d oggi ho deciso di farlo per davvero. Non mi sono fatto illusioni di trovare chissà quali eccezionali fattezze da vedere e fotografare ma la semplice curiosità di andarci. A dirla tutta non sono neppure andato a vedere in internet foto o reportage di gite per farmene un'idea , ho conservato così, in modo intonso, il piacere della scoperta...

Pizzo del Diavolo, via Baroni, sul tetto della Val Brembana
Gita con Muro e Andrea Corti sul tetto della Valbremabana per portare la bandiera Unicef firmata dai tanti ragazzi delle scuole che hanno partecipato, nel corso degli anni, alla giornata Unicef a Mezzoldo. Purtroppo, per un malinteso, al punto di ritiro della bandiera non la troviamo e quindi dovremo rinunciare alla sua presenza sulla vetta più alta della valle (recupereremo più avanti) . Da Carona saliamo con buon passo fino al rifugio Longo dove Enzo ci accoglie e ristora con un buon caffè prima di ripartire in direzione Lago del Diavolo e Passo Selletta. Da qui seguiamo il labile sentiero che ci porta ai piedi del Pizzo del Diavolo e quindi all’attacco della via Baroni. Trovato l’attacco della via, caratterizzato dalla presenza di una targa in memoria della guida Antonio Baroni, ci prepariamo indossando casco ed imbracatura e risaliamo il canalino di accesso alla vera cresta.

Alpinismo: Punta O. Esposito, Via del Diedro “bagnato”!
15.09.18 “Grado bagnato, grado aumentato”! Questo vecchio proverbio, che ho appena inventato, sintetizza la salita della Via del Diedro alla Punta Osvaldo Esposito. Io e Pietro abbiamo iniziato a preoccuparci quando abbiamo visto la strada per il Calvi bagnata. Probabilmente ha piovuto la notte e la nostra via è tutta a Nord, quindi non si asciuga! Infatti troveremo tutte le placche bagnate. Decidiamo di partire ugualmente, al massimo ci caliamo dalle comode soste attrezzate con spit. Invece tiro dopo tiro riusciamo a superare le aumentate difficoltà e arriviamo in cima al torrione dove c’è la calata nella breccia. Davanti a noi vediamo la placca del quinto tiro tutta bagnata. Da qui fa impressione perché sembra verticale. Decidiamo di scendere e andare a vedere. E’ bella ripida, ma sembra che qualche appiglio ci sia. Parto e con non poco sforzo riesco a superarla.......

Valsambuzza - Pizzo Zerna (2.572 m s.l.m.)
Il Pizzo Zerna si trova in cima alla Val Sambuzza, tra la Valcervia di Valtellina e la Val Brembana. Lungo la salita si possono riconoscere vari apprestamenti militari predisposti per la grande guerra. Il Bivacco Pedrinelli è stato recuperato e salvato da una sicura scomparsa. La croce di ferro in vetta al pizzo è stata posta dal Gruppo Escursionistico Alpini di Verdello il 10 settembre 1994. La vetta offre una panoramica sui rilievi della Valtellina dal Gruppo del Bernina al Monte Disgrazia oltre che su Monte Masoni, Corno Stella, Monte Chierico, Passo di Publino e Val Sambuzza......

Escursione e S. Messa al monte Cabianca
Il Gruppo Alpini Zogno e i soci del CAI Zogno si sono uniti, in occasione del 50° della posa della campana sul Monte Cabianca, per organizzare questa escursione. In questa splendida giornata settembrina, tanta gente ha raggiunto la cima per partecipare alla S. Messa celebrata da don Claudio in ricordo degli amici della montagna...

Per creste dal Pizzo del Becco al Calvi via Cabianca
Merito della bellissima giornata stupendo giro ad anello, Carona Lago del Becco, Lago Colombo, Pizzo del Becco, Passo di Aviasco, salita al Monte Cabianca e per cresta discesa al Riugio Calvi per poi chiudere l'anello a Carona..

I Masoni in una domenica ventata
Dopo il temporale del sabato decido di salire sui Masoni e trovo un vento freddo che spazza i cieli e regala panorami eccezionali..

5 giorni in baita in ValSambuzza
Come ormai da diversi anni la settimana di ferragosto con un gruppo di famiglie/amici la trascorriamo nella bellissima baita del gruppo Escursionisti di Sforzatica di Dalmine immersa nella splendida ValSambuzza a 1700 mt. s.l.m., valle racchiusa tra i Monti Masoni, Zerna, Chierico e che da il nome alla famosa cascata appena sopra il borgo di Pagliari, nel comune di Carona.

Carona, Diavolino e Pizzo del Diavolo
Diavolino e Pizzo Del Diavolo, facendo un bel giro ad anello, da Carona rifugio Calvi, Diavolino m. 2810 - Pizzo Del Diavolo m. 2914 - Passo Selletta - Rifugio Longo, Carona, bellissimo giro anche se la salita delle due cime era immersa dalla nebbia..

Il segreto dell'Aga: le meraviglie del Lago Pennati
Erano 3 anni che lo puntavo, volevo fortemente andare a vederlo e già l'anno scorso ci avevo provato, non riuscendo però a trovare la strada giusta per raggiungerlo: pochi giorni fa grazie all'aiuto di Enzo del rifugio Longo sono finalmente arrivato a tu per tu col Lago Pennati, gelosamente custodito dal versante nord-est del Monte Aga.

Carona privée: Corni di Sardegnana e Lago del Vallone
Stavolta sono andato oltre i miei limiti, volevo andare a vedere la versione estiva del Lago del Vallone e ho pensato bene di raggiungerlo in discesa, dopo aver toccato i per me inediti Corni di Sardegnana, arrampicati dall'impervio versante sud dopo aver scaldato le gambe passando dal Becco

Carona, Cabianca, Valle dei Frati, Carona
04/08/2018 Giro ad anello da Carona passando sopra la Diga di Fregabolgia sino a raggiungere il Lago Cabianca per poi salire la cresta del Monte Cabianca m. 2601. Discesa fino al Passo D'Aviasco e scendere dalla Valle Dei Frati e per poi ricongiungersi con il sentiero estivo che porte a Pagliari, oggi nella discesa abbiamo voluto esagerare oltre al temporale ci siamo presi anche una bella grandinata.

Via Calegari-Rho: Parete Nord del Pizzo del Becco
Dopo averla tentata lo scorso anno, sbagliando completamente parete per colpa della nebbia (link), sabato scorso in compagnia di Marco, Emanuele e Alessandro, l'abbiamo "portata a casa". Nessun'altro in parete, forse a causa del non proprio agevole avvicinamento, era tutta per noi e si sentivano solo le nostre voci...

Tra Farno e Pradella: le splendide Cime di Valsanguigno
Pochi giorni fa con l'obiettivo di raggiungere il Pradella mi sono avventurato sulle Cime di Valsanguigno, passando prima dal Pizzo Farno, non ero mai salito su queste cime poste nel cuore lacustre delle Orobie: la Cima occidentale si è rivelata una piccola bestiolina un pelino impegnativa da domare, poi ecco dispiegarsi un filotto di punte tutt'altro che difficili, una cavalcata in cresta tra le più belle che abbia mai fatto, le Cime di Valsanguigno mi hanno entusiasmato..!!

Carona, Rifugio Longo - Monte Aga
Giro ad anello, da Carona, Rifugio Longo - Monte Aga m. 2720 - Rifugio Calvi - Carona, anche se al rientro ci siamo presi un po' di pioggia è stata una bellissima giornata.

Sul Monte Madonnino dal Sentiero Estivo di Carona
Oggi, Carona dal sentiero estivo al Rifugio Calvi per poi salire il Monte Madonnino m. 2502 e al ritorno discesa per il sentiero invernale. . Dal passo per cengia a nord si riesce al Portulino (2.301 m), dal quale per l'ampia dorsale caratterizzata da sfasciumi e da facili roccette si raggiunge la spalla e subito dopo la Valle del Monte Madonnino (2.502 m)........

Vigilia pasquale al Borgo di Pagliari
Pagliari, la memoria nella Pietra. Lassu' dopo le ultime case di Carona, ai margini della strada che porta al Rifugio Calvi e, da qui, alle tante varianti della rete sentieristica delle Alpi Orobie spunta sulla destra, da una piccola quanto suggestiva radura, la Frazione di Pagliari. Un borgo antico, fra i meglio conservati nella sua architettura rustica, che d'inverno appare come un unico sasso compatto e scuro, che si distingue sul tappeto immacolato della neve, mentre d'estate si stempera all’interno di un paesaggio più dolce e variegato, dove le lingue verdi dei pascoli e dei prati s’insinuano fra le stradine e i viottoli, dentro i suoi spazi aperti. Siamo nell’ultima valle dell'alto Brembo......

La nevicata del 27 Dicembre 2017 a Carona
Siamo in quel di Carona a 1100 m s.l.m. il trio Ivan & Alvin & Gino si riunisce per un reportage nevoso intorno al bel laghetto alpino.......

Monte Aga - 2.720 m s.l.m
Nelle acque del Lago del Diavolo la turrita sagoma del Monte Aga si specchia con tinte fosche e poco attraenti: una parete repulsiva irta di canali e di costoloni di roccia sembra chiudere l'anfiteatro, formato da ripidi pendii di erbe e di sfasciumi. La vista della vetta e' bellissima e si allarga dalle Alpi Centrali al Pizzo del Diavolo di Tenda e a tutta la conca del Rifugio Fratelli Calvi....

Il bianco 1° Luglio del Pès Gerna
Sabato mattina quasi non ci credevo nel vedere il cielo così azzurro, mi sono scaraventato a Carona per fare una veloce scappata sul panoramicissimo Pès Gerna: non avevo preventivamente dato un'occhiata alle webcam, così ho strabuzzato gli occhi quando a Branzi mi sono trovato davanti il Corno Stella imbiancato..Avevo preso le scarpette leggere..!! Non mi sono scoraggiato, sono filato lo stesso sul Pès Gerna: a 2000 metri cominciavano tracce di neve gelata, poi lungo la salita e in vetta si andava da 0 a 10 centimetri, avevo i piedi che annegavano nelle scarpe...Ma da lassù che spettacolo..!!!.....

Carona con il laghetto alpino sulle Alpi Orobie
Carona è situato in un contesto naturalistico d'alto profilo, permette un'innumerevole quantità di escursioni adatte ad ogni esigenza. Tra le altre si segnalano l'ascesa al Monte Aga ed al Pizzo del Diavolo di Tenda, ma anche quelle al Rifugio Laghi Gemelli, al Rifugio Fratelli Calvi ed al Rifugio Fratelli Longo, questi ultimi due meta di numerose arrampicate in mountain-bike.

Una bellissima giornata di metà Ottobre al Rifugio Calvi
Bellissima giornata di sole ieri al Calvi, temperatura gradevole e neve in scioglimento a tutte le quote. Tantissimi escursionisti ieri lungo la strada e in conca, lunga fila di macchine parcheggiate, sembrava un giorno d'agosto!!! Ma siamo a ottobre e in quelle zone iniziano i colori autunnali.

Escursioni Carona PAGINA 1 - Escursioni Carona PAGINA 2 - Escursioni Carona PAGINA 3 - Escursioni a Carona PAGINA 4 - Escursioni Carona PAGINA 5 - Escursioni Carona PAGINA 6