Escursioni e gite a Taleggio pag.2

Pizzino - Pizzo Baciamorti - Monte Aralalta - Monte Sodadura
Dopo la ravanata di domenica oggi sono con Ivan e Dino per un percorso che penso di trovare già tracciato. Partiamo poco soppra Pizzino dove si stacca la strada per Artavaggio e ci dirigiamo verso Quindicina proseguiamo ancora lungo la strada che sale verso il Rif. Gherardi per poi prendere il sentiero che porta verso il Passo Baciamorti. Qui ci ciaspoliamo, la traccia è buona e per lo più portante. Arrivati alla prima baita seguendo sempre la traccia ci portiamo in cresta la raggiungiamo nei pressi della Baita Rudera ma di li a poco la traccia sparisce e ci tocca tracciare sino ad andar a prendere la traccia che dal sentiero dei mughi porta al Monte Sodadura o al Rifugio Nicola. Io salgo al M.Sodadura mentre i soci prendono la traccia che taglia sotto. Ci ritroviamo al Rif. Nicola per un ottimo piatto di cervo con polenta. Ritorno passando per i Piani di Artavaggio e la strada agrosilvopastorale che porta a Pizzino per fortuna ottimamente battuta dal passaggio delle motoslitte........

Pizzino - Passo Baciamorti - Pizzo Baciamorti - Monte Sodadura - Rifugio Gherardi
Oggi passeggiata tranquilla sui monti della Valle Taleggio in solitaria. Partenza ad un orario "sciallo" (ore 9.00) dal parcheggio dove parte il sentiero per il rifugio gherardi. Lo seguo per la prima parte poi prendo quello che senza troppa fatica porta al Passo Baciamorti. Da qui la lunga cresta fino alle vetta. Proseguo all'Aralalta e scendo alla baita posta ai piedi di questa bellissima montagna per un momento di relax. Proseguo poi alla Bocchetta di Regadur e salgo al Sodadura dalla cresta Est. Quassù mi godo il panorama ed il pranzo e poi giù dalla Sud Ovest in direzione della ciclabile che porta ai Piani dell'Aser. Prima "a caso" nei prati, e poi seguendo un bel tracciolino raggiungo la ciclabile e quindi l'ex rifugio Battisti. Si scende velocemente al Gherardi dove, dopo un bel caffè con rimorchio, si riprende il cammino fino a raggiungere l'auto. Un tranquillo, ma sempre bello e rilassante itinerario ad anello buono quasi tutto l'anno!....
Alla scoperta della Grotta delle Clave con i speleologi del gruppo dei Tassi
La Grotta delle Clave scoperta dal Gruppo spereologico dei Tassi, una decina di appassionati che passano palmo a palmo tutta la valle Brembana in cerca di grotte e cavita' fin dal 1999. In questi giorni e' possibile visitarla gratuitamente con le esperte guide e con Pio ne approfittiamo; questa cavità inizia con una breve strettoia che dà accesso ad un ampio ambiente decorato da insolite concrezioni; al fondo scorre quasi sempre un modesto corso d'acqua. Al termine della sala la grotta prosegue con passaggi bassi e bagnati sino ad un sifone, che deve essere svuotato con pompa elettrica; cunicoli angusti e sifonanti conducono ad una pericolosa strettoia, imbuto caratterizzato da incoerenti (e incombenti) depositi di ghiaia. Questo passaggio, già disostruito più volte, è stato superato in due sole occasioni: oltre una saletta conduce ad un meandro presto impercorribile.........
br/> Capofoppa, Passo e Pizzo Baciamorti, Araralta, Bocchetta di Regadur, Rifugio Gherardi
Un bel giro ad anello, tempo stabile dopo il vento favonico di ieri ma nebbie che si addossavano ai versanti meridionali delle montagne. Molto bella e interessante la cresta che conduce dal passo Baciamorti sul pizzo Baciamorti : un vero giardino in fiore. E cominciamo con le foto... partendo ovviamente dai fiori.......

Mordi e fuggi nei prati di Piazzoli (Val Taleggio)
Da un paio di giorni avevo programmato una giornata montana per riappropriarmi dei colori primaverili. Per l'occasione ho coinvolto il nostro Gino che tuttavia mi ha proposto un tramonto in quota, cosa comunque ambita da tempo ma che avevo conservato nel cassetto in attesa del momento propizio. Partenza programmata per il pomeriggio alla volta del Ponteranica. Considerato il meteo non proprio ottimistico, per non rischiare di non uscire ho voluto assicurarmi una gitarella rilassante in qualche borgo. Quindi senza troppa fretta parto per i prati di Piazzoli lasciando la macchina poco dopo la frazione Lavina (Vedeseta)....

La Grotta dei Partigiani in Valtaleggio
Il luogo, che si trova lungo la dorsale della destra orografica del torrente Salzana, è selvaggio e suggestivo. L’antro che vi si affaccia è attraversato da un piccolo corso d’acqua che attraversata la soprastante località “Vaccareggia” vi si getta all’interno formando una cascata a scivolo sulla nuda roccia ben levigata dalla forza dell’acqua e dopo alcune decine di metri di salti e piccole vasche va a confluire nel sottostante Salzana. Questo luogo è stato teatro dell’ultimo dramma di una lunga e dolorosa serie di avvenimenti che sconvolsero la Valle Taleggio dopo l’otto settembre 1943, con l’inizio della lotta partigiana qui organizzata nella 86esima brigata Garibaldi, che di conseguenza portò gravi e dolorosi disagi per le Comunità locali dovendo subire a lungo soprusi e distruzioni........

Ciaspolata Foppa di Pizzino - Rifugio Gherardi - Vetta dello Zuccone Campelli
Malgrado le pessime previsioni meteo, abbiamo organizzato un escursione ai Piani d’Alben in Valtaleggio e vista la magnanimità del tempo siam voluti salire sullo Zuccone Campelli ancora immacolato dopo gli ultimi rovesci. Le ciaspole ci hanno aiutato nell’ascesa e la pioggia ci ha risparmiato per l’intera giornata consentendoci così di completare il nostro itinerario.......

Trekking al Rifugio Gherardi 1.650 m s.l.m.
Oggi 25 aprile decido di salire in val Taleggio al rifugio Gherardi. Partenza alle 8.00 da Quindicina, ma stavolta non dimentico le ciaspole. Qualcuno è salito ieri subito dopo la nevicata, ma stamattina sono il primo, con un leggero strato di neve ghiacciata. Metto le ciaspole appena giunto al pianoro con uno splendido paesaggio invernale.....

Pizzino di Taleggio - Passo Baciamorti - Pizzo Baciamorti - Rifugio Gherardi
Ancora un sabato con meteo molto incerto e tendente al brutto , ma non ci lasciamo deprimere e vogliamo pestare un po' della neve fresca appena arrivata... così, lasciata l'auto a Quindicina di Pizzino mi incammino con Pier verso il Passo Baciamorti. La neve inizia verso la prima baita, il tempo è nuvoloso, ma non pessimo ed il morale alto! Dalla baita risaliamo il ripido pendio verso la cresta e la quantità di neve molle e bagnata aumenta. Alla cresta saranno circa 25 cm e la fatica inizia a farsi sentire. Intanto le nebbie risalgono ed anche noi proseguiamo sulla lunga cresta dove ancora nessuno è passato....

Escursione al Rifugio Gherardi (1.647 m s.l.m.)
In questa bellissima domenica di Pasqua, io e la mia famiglia, decidiamo di farci un giretto a qualche rifugio. La scelta ricade sul Rifugio Gherardi. Sono ormai parecchi anni che non ci vado più e oltretutto i bambini non ci sono mai stati. Il cielo è terso ma la temperatura è piuttosto rigida a causa un vento gelido in discesa da nord. Vento che non ci ha dato un attimo di tregua e non ci ha permesso di godere appieno dei bellissimi pratoni del Gherardi..

Pomeriggio ventoso sul Pizzo Baciamorti (2009 m s.l.m.)
Giro pomeridiano quasi esagerato (per le nostre capacità). Vento… freddo e ghiaccio hanno creato difficoltà superiori al previsto ma la limpidezza dell’atmosfera ci ha regalato panorami stupendi dimezzando le distanze... pareva che le montagne fossero più vicine a questo si è poi aggiunta una gradita sorpresa....

Fraggio, ex Dogana Veneta, rovine e storia della Val Taleggio
Tra queste mura esercitava l’utimo notaio custode della ferrea legge dell’epopea veneziana in terra bergamasca al servizio del Doge. Questo dicembre 2011 finisce e con esso gli scarni festeggiamenti del 150° dell’Unità d’Italia, c’è un nesso con questa visita, la voglio dedicare a Samuele Biava (1792-1870) figlio del notaio che qui operò nella sua funzione di doganiere. Samuele lasciò di sé non ignobile traccia nella poesia e nella musica del primo romanticismo lombardo. Caro al Manzoni e al Donizetti e “partigiano per la libertà”, trafugò in Svizzera per dare alle stampe un testo sull’Unità d’Italia, di ispirazione monarchica sul modello inglese, distinto dal potere politico......

Pizzino di Taleggio - Zuccone Campelli - Monte Sodadura
Visto le precipitazioni nevose (scarse) dei giorni scorsi, per questo giro con Sergio e Pierangelo si decide di puntare alla zona della Valtaleggio sempre ricca di bei giri e, in caso di condizioni non buone, di valide alternative. Saliamo per un tratto della nuova strada per i piani d'Artavaggio, raggiunto il rifugio Nicola decidiamo di puntare allo Zuccone dei Campelli. Tantissimo vento e neve ventata con accumuli importanti nelle conche ci fanno un po' tribulare , ma non molliamo e, dopo quasi quattro ore di cammino siamo sulla vetta! Dopo la discesa si ritorna al Nicola e da qui salita, sempre sfrzati da un forte e freddo vento, al Sodadura. Discesa dalla cresta ovest e ritorno alla macchina giusto al tramonto......

Passeggiata rilassante in Val Taleggio
Invogliato dal reportage del Ma.Ca. e spronato dal fervore col quale mi ha invitato a visitarla, mi ero ripromesso di andarci alla prima occasione propizia. L'unica mia camminata in Val Taleggio risale a parecchi anni or sono quando con degli amici ho raggiunto i due rifugi Battisti e Gherardi. Non c'è alcun motivo per il quale "snobbassi" questi luoghi, forse semplicemente per ignoranza della loro bellezza. In questa giornata ho perciò deciso di iniziare a scrivere nel mio quaderno virtuale delle camminate, la prima pagina del capitolo sulla Val Taleggio. Quella di oggi è stata una passeggiata esplorativa e tranquillissima, interessante culturalmente e rilassante......

Fraggio - Piani d'Artavaggio - C.ma di Piazzo - Sodadura - Rifugio Gherardi - Pizzino
Oggi sono con Matu e ci concediamo un giretto "sciallo" in val taleggio dove ancora sono presenti i bellissimi colori autunnali e dove il Sole di queste belle giornate scalda come d'estate! Salita dal sentiero che da fraggio conduce ai Piani di Artavaggio poi salita alla cima di Piazzo e poi Sodadura. Lungo la discesa verso il Gherardi incrociamo Paolo e la "delegazione" di Milano intenti nella salita al Sodadura , due chiacchere e poi proseguiamo fino al rifugio dove ci intratteniamo per la pausa pranzo e dove rimaniamo un po' a chiaccherare con la simpaticissima rifugista Rita.....

Escursioni Taleggio PAGINA 1 - Escursioni Taleggio PAGINA 2 - Escursioni Taleggio PAGINA 3 - Escursioni Taleggio PAGINA 4